Il liquido amniotico un prezioso alleato

Il Liquido Amniotico

Il liquido amniotico ( LA) è l’habitat del feto per nove mesi, avvolge il nascituro, lo protegge e ne favorisce lo sviluppo dalle prime fasi della gravidanza fino al parto. E’ indispensabile per la sua sopravvivenza e per il suo benessere..

 

liquido amniotico

 

Di cosa è fatto il liquido amniotico e  come cambia

Lorigine del liquido amniotico è mista perché  è prodotto sia dalla mamma che dal feto ;  con l’avanzare della gravidanza,la composizione del liquido  varia per adattarsi alle necessità e alla crescita del feto.  Prima della 18 settimana di gestazione ( terzo – quarto mese) la presenza di LA è prevalentemente assicurata dalla madre grazie alla trasudazione dei liquidi dai vasi sanguigni della placenta verso il  sacco che contiene il liquido amniotico, dopo la 18 settimana, il principale apporto però viene dal feto a partire  dalla sua urina e dalle secrezioni del suo tratto bronchiale e nasale.

Il piccolo ingerisce continuamente parte del liquido, che viene assorbita dal suo intestino, bilanciando così l’urina prodotta. In questo modo, il nascituro stesso controlla l’equilibrio del liquido  e fa sì che non sia mai troppo o troppo poco. La diuresi fetale nel corso della gravidanza aumenta progressivamente e la quantità di LA cresce fino alla 32 ( ottavo mese)settimana per poi restare pressoché invariato, solo verso la fine della gravidanza si assiste, fisiologicamente, ad una franca riduzione dello stesso.

 

liquido-amniotico-ecografia

 

Quali sono le sue funzioni?

Il liquido amniotico assolve diversi compiti :

  • Rappresenta una zona di protezione per il feto, un’efficace barriera protettiva contro gli urti  ed allo stesso tempo impedisce di schiacciare il cordone ombelicale quando il feto si muove.
  • Mantiene costante la temperatura corporea fetale
  • E’ essenziale per un corretto sviluppo dell’apparato muscolo scheletrico del feto che  può  muoversi e svilupparsi ed, allo stesso tempo,  non creare traumi alla parete uterina materna, poiché il LA attutisce i “colpi”.
  • Ha un’importante funzione antibatterica poiché contiene  diversi enzimi necessari alla protezione del  piccolo dal rischio di infezioni ma è ricco anche di fattori di crescita essenziali allo sviluppo sia del polmone che dell’apparato digestivo fetale.

L’importanza di questo prezioso liquido è tale che prelevandone un campione si possono ottenere importanti informazioni sul benessere fetale, il suo controllo ecografico  può essere la spia di eventuali problemi della gravidanza ed, a fine gestazione, è un valido supporto per decidere il timing del parto qualora fosse troppo ridotto. 
Il liquido amniotico contiene cellule fetali provenienti dalla pelle del nascituro, dalle sue mucose intestinali, dai reni e dai polmoni. Analizzandone un campione,tramite un prelievo, ovvero l’amniocentesi,  è possibile effettuare un esame per diagnosticare eventuali alterazioni cromosomiche, come la sindrome di Down, o specifiche patologie a carico di singoli geni , come la fibrosi cistica.

Risulta evidente  come la valutazione del liquido amniotico sia estremamente importante per la gestione della gravidanza e della valutazione del benessere fetale; ciò e soprattutto vero  a fine della gestazione quando il liquido normalmente è ridotto.

In conclusione:

il liquido amniotico è un compagno  prezioso per la madre e per il feto che trasporta proteggendo, i due protagonisti di questo affascinante viaggio, che è la gravidanza e l’attesa, al suo  termine.

CONTATTACI SUBITO TELEFONICAMENTE

NUMERO VERDE 800 82 46 82

Dr.ssa Raffaella Di Ramio

Specialista in Ostetricia e Ginecologia

 

 

Nessun commento ancora

Lascia un commento