Gioco motricità: MUOVERSI, SALTARE, CORRERE, ROTOLARE E… CRESCERE!!

Lo sport fa bene, e non solo al fisico...

L'attività fisica regolare apporta innumerevoli benefici al corpo e alla mente:

  • irrobustisce il fisico e ne previene le malattie
  • sviluppa e aiuta a mantenere sano l'apparato osseo e muscolare
  • aiuta a controllare il peso corporeo e il metabolismo
  • aiuta a ridurre il grasso e la pressione sanguigna
  • riduce lo stress, l'ansia, la depressione e favorisce la socializzazione
  • prepara i bambini all'apprendimento futuro
  • aiuta a controllare vari rischi comportamentali, come l'uso di tabacco, droghe o di altre sostanze, le abitudini alimentari scorrette, il ricorso alla violenza.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI CONTATTACI SUBITO

TELEFONICAMENTE

NUMERO VERDE 800 82 46 82

L’attività fisica dunque favorisce nei bambini un corretto sviluppo fisico e delle competenze sociali, e il gioco è la modalità con cui essi si esprimono al meglio.
Attraverso lo sport, inoltre, si imparano alcuni dei valori più importanti della vita: amicizia, solidarietà, lealtà, lavoro di squadra, autostima, autodisciplina, rispetto, capacità di comunicare e affrontare i problemi.

Un bambino che ha fatto sport, infatti, da grande sarà molto più avvantaggiato rispetto a chi non ha mai praticato attività fisica, perché ha strutturato una muscolatura migliore e ha ‘sperimentato’ e formato il proprio corpo in un’età in cui si sviluppano le cosiddette capacità coordinative, come l’equilibrio e l’orientamento, e le capacità condizionali, ossia la forza, la resistenza e la velocità.

Dunque se anche interromperà per alcuni anni la pratica sportiva, il suo corpo conserverà memoria dei benefici acquisiti da piccolo e quando, da adulto, vorrà riprendere a fare sport o vorrà intraprende uno sport nuovo, avrà già le basi giuste per ripartire alla grande. Inoltre avrà imparato ad interagire nel modo giusto con gli altri, ad osservare le regole, a rispettare gli altri, a gestire la sconfitta e gli imprevisti…

Non è da sottovalutare, però, nemmeno la scelta dello sport giusto e del momento giusto per iniziare. A sei anni di solito i nostri figli hanno già le idee chiare nei confronti di uno sport specifico, ma sono pronti?

giocomotricità

Le attività giuste per cominciare sono quelle il più possibile generiche, come la ginnastica e il nuoto, che permettono di favorire lo sviluppo armonico di tutto il fisico. Inoltre, prima di dedicarsi ad attività più specifiche (calcio, tennis, pallavolo), i bambini dovrebbe acquisire destrezza, coordinazione e sviluppo fisico adeguati, nonché la coscienza del proprio corpo e di quello degli altri e dello spazio che li circonda.

Da questa esigenza è nata la gioco-motricità!

La gioco-motricità è un’attività rivolta ai bambini in età pre-scolare, dai 3 ai 5 anni, che aiuta a stimolare nei bambini la libera espressione motoria, basata sul movimento e sul gioco.

L’attività proposta favorisce l’acquisizione e lo sviluppo di capacità relative allo schema corporeo (strisciare, rotolare, gattonare) e alla percezione di sé; alle sensazioni corporee, al rapporto con la realtà (colori, forme, grandezze) e con gli altri bambini (rispettare i turni e le diversità, collaborare), in un ambiente extrafamiliare.

giocomotricità

Nella fase iniziale i bambini vengono lasciati liberi di esprimersi, di sperimentare e di adattarsi all’ambiente e al materiale proposto (tappeti, palle, cerchi…). Poi si comincia con un’attività che già conoscono. Nella fase centrale viene proposta un attività nuova, finalizzata all’acquisizione di una capacità specifica. Infine, si riportano i bambini ad una situazione “familiare”, con un breve momento di stretching e rilassamento.

Giulia Rondina

CONTATTACI SUBITO TELEFONICAMENTE

NUMERO VERDE 800 82 46 82

Nessun commento ancora

Lascia un commento